installazione ecomarchenews

 

Più libri, più liberi

 

Posseggo un numero discreto di libri, pochi romanzi, qualche classico, ma soprattutto libri di storia, di civiltà, geografia e politica. Amo i libri, li leggo, li ammiro. Non posso vederli rovinati, con le orecchie e sottolineati a penna. Rifuggo dal prestarli, per paura di perderli o riaverli danneggiati. Poichè non sono più tanto giovane e mi dispiacerebbe che questo capitale culturale vada perso, diviso, strapazzato, magari al macero. Sono i miei migliori amici, non mi tradiranno mai. Questi, insieme di fogli di carta, sono la mia più grande ricchezza, spirituale e morale. Vengo ad altre questioni più importanti che i libri ci offrono. Alcuni di questi li ritengo più graditi. Quelli di storia, quelli biografici di personaggi che hanno contribuito a migliorare la vita degli uomini del pianeta terra. Leggo e rileggo quei libri e alcuni li conosco quasi a memoria; quello biografico scritto dalla penna di Johm Womack Jr: “Morire per gli indios”. “La trafila romagnola” di Lidia Pupilli. Le documentazioni e i commenti di Pietro Greco sulla fede incontrollabile e sul pensiero di Maria Goretti. Ho sempre con me una biro per riassumere questa o quella frase, questa o quella parola e poi commentare. Continuo a farne tesoro perchè vi scopro cose nuove, nuovi spunti di riflessione. Perché mi amplificano gli orizzonti, mi fanno capire meglio gli uomini, i loro vizi e le loro virtù. Auguro che nel futuro ci siano più libri, più lettori, soprattutto giovani.

 

installazione ecomarchenews
murale con installazione, Bill Weber – Jackson square, San Francisco

 

Duilio Marchetti

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  •   
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *