minimalemare Ghiandoni ecomarchenews

Omaggio a Renata Sellani

Erano tempi in cui si poteva pensare alla Marzocca come a una tappa e non come a una meta. Adesso però non basta considerare com’è cresciuta questa fila di case schierate lungo quella “grand’rue” che il viaggiatore Stendhal aveva trovato nel 1832 “si étroite qu’une seule voiture y peut passer”, e come oggi appaia molto più chiara nel disegno urbano: bisogna anche pensare al senso che chi ci vive le sa conferire.

Cosa c’entra questo con Renata Sellani è presto detto: è stata una delle persone che più hanno contribuito a fissare l’identità del luogo alla parlata dei suoi abitanti.  L’ha fatto dandole rilievo quando ancora era raro chi tentasse di farlo, e l’ha messa in commedia e in poesia.

Il monologo che segue ne è una affettuosa, bonaria testimonianza.

(Leonardo Badioli in Scrittori dialettali senigalliesi: Il Teatro, Edizioni La Fenice, 2016)

 

 

GEGIA LA BAGNINA E LA CUNTESSA ALAMEI

monologo

Finalment so rivata… Ndó? So rivata in muntagna, int’un grand hotel p.r la vil.giatura. Ho guadambiat quattr bocchi e adè voi fa la signora. Da ndó vieŋ? Vieŋ da la Marzocca. (pausa) Miga p.rché è ’n sit’ malament, anzi, è tanta b.lina, sa ch’l bell mar davanti, sa tutt ch.l’ vilett… e na matina! C’ vieŋn na mucchia d’ furastieri… P.rò t’ cunosc.n tutti e te sei sempr la bagnina e basta! E io m’ so stufata. Alora sapé co ho fatt? Ho fitat tutti i capanni ma uŋ ch’i vuleva e dop lu i arfitta a uŋ a uŋ… e po’ so partita.

Adè maquasù co sann chi so io? A l’alb.rgator io ditt ’n nom acusì: Lisa tal di tali dei conti a la mei, e lu ha scritt tutt tacat, sa la lett.ra maiuscula. Culmò adè io so la cuntessa Alamei (ride).

Adessa fin a l’ora d.l pranz – che machì ’l chiam.n culazióŋ e la cena i dic.n ’l pranz… la culazióŋ po’ ’nn ’l so com s’ dic, ma io p.r nun sbaià staggh zitta…

Alora diceva ch’uŋ pol fa quel ch’i s’ par e io m’ vaggh a mett a sed al bar. (cambia sedia, si sventola e fa cenni di saluto con la testa).

“Bon giorno! Se si vole comedare aquì? Lei villeggia come me (tace perché finge che parli d’altro). Dicevo: lei fa la villeggiatura? Ah, certo, certo. No, no, mio marito cià gli afari sua, sì, insomma, è un afarista. No, non ne tengo. Sa, con la vita che si fa in villa… tutti i festini… i fioli no, p.r carità… Lei ne tiene? Quanti? Cinque? Ma il marito ce l’ha? Scusi, scusi, era solo una dimanda. Arivederla!”

Ch gent sufistiga, oh: s’è ufesa!

“Bon giorno! Qui si sta bene, vero? C’è un bel fresco. Come?” (tra sé) E chisà d’ ndó n’è custù: ’nn ho capit na parola! (sorride a un altro)

“Bon giorno! Lei ce l’ha la sedia?”

“Bon giorno! Si metta qui che lì c’è il sole…”

(voce fuori campo)

“Oh Gegia! Co fai la bagnina ncó maquasù?”

Adessa questa chi è?

(inchini, saluti)

“Bon giorno conte! Oh, si figuri!”.

(fuori campo:)

“Gegia!”

Arvaggh in camm.ra, ciò ’n po’ d’ micragna ’nt la testa… (si alza) M’ tocca ndà via… Ho capit. Si uŋ vol gambià… ecca ch s’ frega sa l’ maŋ sua. Co vol dì a dà ma uŋ la sedia, ma n’antr l’ombra, ma n’antr ’l sol…

Arvaggh a la Marzocca, culmò…

 

minimalemare Ghiandoni ecomarchenews
minimalemare, foto di Giovanni Ghiandoni

 

 

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *