Il Teatro La Fenice riapre agli spettatori

Finalmente si torna a teatro! Una nuova primavera, attesissima, per il Teatro nelle Marche, una festa che non vediamo l’ora di celebrare.

Il Teatro La Fenice riapre agli spettatori il 29 maggio con uno degli appuntamenti di Platea delle Marche in Festa, la rassegna di AMAT che coinvolge 21 teatri marchigiani.

Alle 20.45 si apre il sipario con Coppia aperta, quasi spalancata con Chiara Francini e Alessandro Federico, una classica e irresistibile commedia all’italiana che racconta la tragicomica storia di una coppia di coniugi, figli del sessantotto e del mutamento della coscienza civile del bel paese.

Scritto da Dario Fo e Franca Rame nel 1982, dopo le contestazioni e le rivendicazioni su divorzio, aborto, adulterio e “delitto d’onore”, Coppia aperta, quasi spalancata racconta dei grotteschi tentativi di risolvere i problemi di un matrimonio ormai allo sfascio avventurandosi a sperimentare un rapporto libero, una “coppia aperta” appunto, per giustificare in realtà le infedeltà del marito. Divenuto uno degli spettacoli più popolari degli anni Ottanta, non solo in Italia (in Germania ha riscosso un tale successo da essere proposta in ben 30 teatri contemporaneamente), oggi, sono due attori in grande ascesa come Chiara Francini e Alessandro Federico a ridare voce a questo testo, portando in scena la psicologia maschile e la relativa insofferenza al concetto di monogamia, attualizzando i riferimenti temporali e alcuni comportamenti che evocano lo spettro di vicende di cronaca nera oggi purtroppo frequentissime.

Una macchina teatrale dalla sincronia stupefacente, che fotografa con spietata e dissacrante lucidità le dinamiche relazionali e sentimentali di coppia. Una riedizione 2.0 di un classico teatrale, che mantiene ritmo e dissacrante comicità originali.

Biglietti in vendita al botteghino del teatro venerdì 21, sabato 22 e venerdì 28 dalle 17 alle 20; sabato 29 a partire dalle ore 16; e on line su vivaticket.com.

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *