cultura senza barriere

La premiazione della 7^ edizione “Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere”

a cura del Museo Tattile Omero di Ancona

 

 

cultura senza barriere

 

Pubblico delle grandi occasioni e Sala Conferenze – al piano nobile del Museo Tattile Statale Omero di Ancona –  gremitissima in ogni settore per l’attesa cerimonia di Premiazione degli studenti selezionati e vincitori della 7^ “Biennale Arteinsieme – cultura e culture senza barriere”, seguìta subito dopo dall’ inaugurazione ufficiale in Sala Boxe della stupenda mostra “Mimmo Paladino e i giovani artisti” da parte del Presidente del Museo Omero prof. Aldo Grassini, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Ancona dr. Paolo Marasca e della dott.ssa Elisabetta Borgia del MIBACT.

Entusiasmo, allegria e passione:  più di 200 studenti di ogni ordine e grado, giunti da varie regioni italiane con i loro docenti accompagnatori, protagonisti  della  Biennale ARTEINSIEME, hanno invaso stamattina – sabato 27 maggio – la Mole Vanvitelliana. Un’edizione davvero da record questa del 2017, che ha registrato l’adesione di oltre 100 Musei e Luoghi della cultura e di circa 1500 studenti di Accademie, Conservatori di Musica e Scuole.

Un successo che conferma la valenza culturale della manifestazione che tocca tutte le regioni, ideata e promossa nel lontano 2003 dal Museo Tattile Statale Omero per promuovere l’inclusione e l’accessibilità attraverso l’arte. I due testimonial, Mimmo Paladino e Salvatore Accardo, hanno ispirato e coinvolto anche tutta la cerimonia di premiazione che ha visto la partecipazione del Mibact, con Elisabetta Borgia, del Servizio Educazione e Ricerca, del Comune di Ancona con l’assessore alla cultura Paolo Marasca e dell’UICI con Armando Giampieri.

A premiare i giovani finalisti del Concorso Arteinsieme provenienti da tutta Italia, da Bolzano a Catania, da Lainate e Ravenna a Cava dei Tirreni e Palermo, i curatori della Biennale, Andrea Socrati e Giulia Cester, e naturalmente Aldo Grassini, Presidente del Museo Omero con la moglie Daniela Bottegoni. Una festa durante la quale sono stati consegnati loro gli attestati di partecipazione ed è stato premiato con una borsa di studio il vincitore per ogni sezione del Concorso Arteinsieme: per le Arti figurative Emanuele Cillaroto dell’IIS “Vincenzo Ragusa – Kiyohara – Parlatore” di Palermo con la scultura “Dentro la montagna di sale”, per la Musica Salvatore Passantino del Conservatorio Statale di Musica “V. Bellini” di Palermo con Fire Symphony, per i Libri speciali “La sinfonia dell’amicizia” della Direzione Didattica Primo Circolo Cava de’ Tirreni, plesso “Don Bosco” (classi I A, I C, II E, III A, V B, V D ) e “Questo è il mio sole”  della classe II media sezioni ABCD della Scuola Italiana Cristoforo Colombo di Buenos Aires. Menzione speciale per integrazione e accessibilità a “Il cavallo con gli stivali” di Valeria Mazzoleni, classe III, e Mohamed Gueye, classe V dell’Istituto Comprensivo “Ponte San Pietro”, Bergamo.

Poi tutti insieme per l’entusiasmante e sorprendente visita alla mostra Mimmo Paladino e i giovani artisti , dove  accanto ai quattro imponenti ed enigmatici bronzi di Mimmo Paladino, i Testimoni, sono esposti tutti i lavori degli studenti finalisti, con sculture e installazioni di sedici studenti dei Licei Artistici e delle Accademie di Belle Arti, ispirate alla poetica del maestro beneventano e caratterizzate dalla molteplicità e varietà di materiali, nonché volte ad esaltare la plasticità e la tattilità delle forme.

Per la MUSICA sono allestite cinque postazioni audio dove è possibile leggere gli spartiti e ascoltare le registrazioni di brani realizzati dagli studenti di Conservatori e Licei musicali. Composizioni originali per violino e organico eterogeneo ispirate al repertorio classico per violino, strumento del Maestro Accardo. Per la sezione LIBRI SPECIALI, novità della VII edizione della Biennale, in mostra dodici libri multisensoriali realizzati dalle scuole primarie e secondarie di I grado,  otto ispirati all’opera dello scultore internazionale Mimmo Paladino e quattro ispirati al violino. Gli alunni hanno inventato le storie, tradotte anche in Braille, e le hanno illustrate con immagini tattili. Alla fine della lunga premiazione e durante l’emozionante visita ci siamo a lungo complimentati con gli studenti finalisti ed i loro professori ed in particolare con i quattro studenti di Bolzano, con i piccoli alunni di Cava dei Tirreni e coi vincitori siciliani del 1° Premio, augurando loro le migliori fortune scolastiche, artistiche e professionali per un incoraggiante e lusinghiero futuro. Consigliamo, pertanto, a tutti i giovani studenti, agli appassionati di arte e musica nonché ai turisti di non perdere la magnifica occasione di visitare, con ingresso libero, una mostra ricca di suggestioni e stimoli con la possibilità di utilizzare oltre alla vista anche il tatto e gli altri sensi!

La mostra è promossa dal Museo Tattile Statale Omero e TACTUS Centro per le Arti Contemporanee, la Multisensorialità e l’Interculturalità e in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo tramite la Direzione Generale Educazione e Ricerca – Servizio I, Ufficio Studi – Centro per i Servizi Educativi del Museo e del Territorio (Sed) e la Direzione Generale arte e architettura contemporanee e periferie urbane e la Direzione Generale Musei – Servizio II – Gestione e Valorizzazione dei Musei e dei Luoghi della Cultura e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Liceo Artistico “Edgardo Mannucci” di Ancona, il Comune di Ancona e Società Cooperativa Opera.

di Vincenzo Prediletto

 

INFO 
Ingresso libero.  Dal 27 maggio al 9 luglio. Orario: dal martedì al sabato 16 – 19; domenica e festivi 10 – 13 e 16 – 19. Email:arteinsieme@museoomero.it T. 0712811935 
Sito: www.museoomero.it FB Biennale Arteinsieme #arteinsieme– 
Monica Bernacchia  – Comunicazione
Museo Tattile Statale Omero
Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28, 60121 Ancona
tel. 071.2811935 fax 071.2818358
www.museoomero.it
email: redazione@museoomero.it

 

cultura senza barriere
testimoni, Mimmo Paladino
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *