riccardo-gambelli-centropagina.it

Riccardo Gambelli, tra i giovani fotografi del Gruppo Misa

Il suo percorso artistico in mostra

 

La Galleria FIAF Perugia, diretta da Marco Nicolini, annuncia l’attività espositiva e di studio “Riccardo Gambelli, fotografo del MISA – 60 anni dopo”, realizzata in collaborazione con il Dipartimento Cultura FIAF, nella persona del Direttore Silvano Bicocchi che la presenterà.

E’ importante distogliere lo sguardo dal flusso inarrestabile d’immagini del contemporaneo per riscoprire il piacere di comprendere l’opera di un autore visto nella sua epoca.
La breve esperienza del gruppo “MISA” (1954-1956) di Senigallia ha assunto nel tempo un’aura mitica. Ciò è dovuto all’intreccio complesso di esperienze creative che hanno caratterizzato quel gruppo fotografico organizzato da Giuseppe Cavalli e formato da giovani fotografi destinati a segnare profondamente la storia della fotografia italiana.

Riccardo Gambelli di Senigallia è stato il più giovane, del gruppo dei senigalliesi, a partecipare a quella splendida e sofferta stagione della fotografia italiana, dove la tradizione formalista chiudeva il proprio splendido ciclo e nasceva la Nuova Fotografia Italiana come la chiamò Giuseppe Turroni nel 1959.

L’allora ventenne Riccardo Gambelli (1931), di professione Fattorino telegrafico, nel MISA trovò uno stimolo per la propria crescita, umana e culturale, nel condividere l’esperienza fotografica con altri giovani appassionati fotografi, poi diventati famosi, come Piergiorgio Branzi, Alfredo Camisa, Ferruccio Ferroni e Mario Giacomelli, suo intimo amico.

Silvano Bicocchi

 

Riccardo Gambelli, fotografo del MISA – 60 anni dopo

2 dicembre – 6 gennaio 2019

Museo Civico di Palazzo della Penna via Prospero Podiani, 11 Perugia

Orari: da martedì a domenica dalle ore 10 alle ore 18

La Mostra Fotografica sarà inaugurata sabato 1 dicembre 2018 alle ore 17.00 con la conferenza in cui saranno presenti l’Autore Riccardo Gambelli, l’Assessore alla Cultura, Turismo, Università del Comune di Perugia Maria Teresa Severini, il Direttore del Dipartimento Cultura della FIAF Silvano Bicocchi

riccardo-gambelli-ecomarchenews
Riccardo Gambelli in una foto del 1950 di Mario Giacomelli

 

Riccardo Gambelli nasce a Senigallia il 7 giugno 1931.
Inizia a fotografare nei primi anni del 1950 in compagnia dell’amico Mario Giacomelli, anche lui ai primi scatti.

Insieme vanno a ricercare nei paesaggi della campagna marchigiana, nelle marine di Portonovo, nella quotidianità della vita di paese, il soggetto, l’atmosfera più congeniale ad esprimere le loro personali sensibilità, già ben definite e originali.

A Senigallia vive il maestro Giuseppe Cavalli: a lui Gambelli si affiderà nel suo percorso formativo, accogliendone scelte tecniche ed estetiche, accettandone la disciplina ed i giudizi sulle creazioni. Con il Gruppo Misa le fotografie di Gambelli, rigorosamente selezionate dal maestro Cavalli, partecipano a numerose esposizioni nazionali ed internazionali ricevendo riconoscimenti.

L’indole abbastanza schiva e riservata lo rende non completamente a suo agio in ambienti mondani dove l’apparire è preferibile all’essere: ciò allontana poco a poco Gambelli dalla foto d’arte. Il Museo Comunale d’Arte Moderna di Senigallia diretto dal prof. Carlo Emanuele Bugatti sta incoraggiando Gambelli a riprendere il suo percorso artistico interrotto, sollecitando la catalogazione delle sue opere ed una pubblicazione che comprenda le centinaia di foto mai esposte.
La qualità degli ultimi scatti di Gambelli, nonostante decenni di lontananza dall’obiettivo e dalla camera oscura, sono la testimonianza della sua cultura fotografica, frutto dell’esperienza svolta sotto la guida del maestro Giuseppe Cavalli. Un’esperienza che ha permesso alla fotografia del gruppo Misa di Senigallia di oltrepassare i confini regionali e rappresentare ancora oggi riferimento nazionale ed internazionale.

 

riccardo-gambelli-centropagina.it
Foto di Riccardo Gambelli, 1953
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  •   
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *