A beneficio della Terza Età

in una prospettiva di benessere bio-psico-sociale

 

La mattina di sabato 28 aprile 2018 segna un momento importante per la città di Arcevia. E’ stato infatti inaugurato il  “Cantiere del Benessere”, uno spazio-salute presso l’Ospedale di questa Comunità, che consentirà agli ospiti della RSA e a tutte persone che lo desiderano, di servirsi delle competenze esperte degli allievi del Corso Tecnico dei Servizi Sanitari dell’IPSIA “Bettino Padovano” di Arcevia.

Ogni giovedì mattina gli allievi saranno disponibili per manicure e smalto a quanti lo desiderano; dalle dieci a mezzogiorno si ride insieme con lo  Yoga della Risata, pratica che porta benessere fisico e allegria, particolarmente adatta alle persone anziane e da loro gradita.

Il Cantiere del Benessere è un progetto di comunità in rete promosso e coordinato a beneficio della Terza Età dallo stesso Istituto e vive delle sinergie attivate tra ASUR 2 Marche che ha messo a disposizione il locale, Comune di Arcevia che dà il proprio patrocinio, la convinta e preziosa collaborazione di Confartigianato Ancona-Pesaro e Urbino e la condivisione dell’Ambito Territoriale Sociale 8.

“Si tratta di un punto di partenza”, ha dichiarato il prof. Giancarlo Verdini, direttore della scuola, “al quale speriamo seguano ulteriori tappe verso obiettivi più alti. La presenza di giovani vicino agli anziani dà risultati inimmaginabili”.

Il carattere innovativo del progetto è stato sottolineato dall’intervento del sindaco, Andrea Bomprezzi: “il Cantiere è un altro mondo, e Arcevia un luogo ideale per accoglierlo e sperimentarlo. Forse è presto per dirlo, ma l’attività dell’Istituto ha segnato in questi anni un’inversione di tendenza rispetto allo spopolamento della nostra comunità”.

Il progetto prende il nome di “Cantiere” per un esplicito rimando a un’area di lavoro, e ha come obiettivo di formare gli allievi del Corso OSS del Bettino Padovano alle competenze di aiuto alle persone anziane in una prospettiva di benessere bio-psico-sociale. Una proposta concreta entro cui si può attuare una declinazione territoriale e comunitaria del processo di umanizzazione delle cure.

 

Leonardo Badioli

 

Ipsia Bettino Padovano ecomarche
I giovani allievi con le insegnanti
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *