the end fondazione arca ecomarche

Le opere di Enzo Belli, Cristina Messora e Alessandro Gagliardini

esposte fino al 30 settembre alla Fondazione A.R.C.A.

È stata inaugura la mostra THE END, allo SpazioArte della la Fondazione A.R.C.A., lo scorso 12 agosto, dedicata alle ricerche in bianco e nero, di due artisti emiliani, l’incisore Enzo Bellini e la pittrice Cristina Messora e del fotografo Alessandro Gagliardini dal titolo “The End“.

Allo SpazioArte sono state messe in relazione tre tecniche di rappresentazione della natura e del paesaggio dei tre artisti con una ispirazione sironiana. La fotografia di Gagliardini – che non riusciamo a conoscere interamente in questa occasione – ha un taglio cinematografico e i paesaggi urbani o naturali sono neri come il petrolio.
L’artista vuole creare delle suggestioni forti per raccontare la solitudine dell’uomo contemporaneo. Non ci rimane allora che ritornare a vivere a contatto con la natura e l’ambiente lontani dalla civiltà industriale. E’, invece, una scelta estrema per Cristina Messora dipingere la natura o la città in bianco e in nero.

Tuttavia, ella predilige la rappresentazione della montagna dove ha trascorso la sua infanzia o lo spazio urbano in bicromia perché simboleggia la capacità di discernere. La pittrice immagina la realtà, ma si propone rigorosi obiettivi tecnici perché il risultato finale porta l’osservatore in un altro spazio, ossia quello interiore e personale.

Le acqueforti di Enzo Bellini sono il frutto della ricerca di uno spirito colto, difficile ed intellettuale che osserva i modelli del passato perché spinto dal desiderio di perfezione e di emulazione, perciò sperimenta diverse tecniche esistenti per raggiungere il risultato finale.
La vernice, che ricopre la lastra, non oppone nessuna resistenza alla punta d’acciaio. Bellini ha insistito nelle prove di stampa e ha tentato di raggiungere con il metallo risultati sempre più perfetti, riproducendo la matrice incisa col bulino o con la puntasecca, e adottando morsure multiple nella ricerca di nuovi effetti tonali.

È in programma, prima della chiusura della mostra, un laboratorio tutto per i bambini dal titolo “Il carosello”, condotto da Cristina Messora, presso la Biblioteca speciale.

Andrea Carnevali

 

the end fondazione arca ecomarche
“incanti sub urbani”, fotografia di Alessandro Gagliardini
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  •   
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *