Un quadro molto caro ai montignanesi

dipinto da Luigi Conti nel 1838

 

Venerdì 14 settembre alle ore 21, nella chiesa parrocchiale di Montignano, lo storico dell’arte Donato Mori racconterà la storia della tela raffigurante la Madonna dei Sette Dolori, conservata in sagrestia, importante testimonianza della religiosità e della devozione dei montignanesi. Secondo le ricerche di Mori, autore di un testo sul pittore Luigi Conti (nato a Ostra Vetere e morto a Senigallia), che la dipinse nel 1838, l’opera fu commissionata dal cappellano e dai tre priori della Confraternita del Sacramento di Montignano con il consenso del parroco, tutti ricordati per nome in una memoria. La conferenza con videoproiezione di immagini permetterà ai presenti di compiere una visita virtuale alla scoperta delle numerose opere di Conti conservate in chiese e palazzi di Senigallia e di altre dieci località marchigiane.

Seguirà la preghiera della Corona dei Sette Dolori di Maria con riflessioni del parroco don Andrea Franceschini e un canto tradizionale all’Addolorata, eseguito da alcuni coristi insieme a Gerardo Giorgini alla fisarmonica.

L’evento culturale e religioso è organizzato dalla Parrocchia S. Giovanni Battista di Montignano con la collaborazione di: Biblioteca “L. Orciari” di Marzocca, Centro Sociale “Adriatico” e Associazione Promotrice Montignanese.

 

gli organizzatori

 

L'Addolorata di Montignano conferenza locandina ridotta
La Madonna Addolorata di Luigi Conti, particolare

 

 

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *