Iacomucci incisore ecomarche

28 artisti marchigiani presenti in mostra

in collaborazione col Cart di Falconara

Sala Conferenze del Centro Culturale Pergoli di Falconara Marittima in piazza Mazzini letteralmente gremita – sabato pomeriggio 14 aprile – per la cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’interessante e variegata mostra di artisti contemporanei dal significativo titolo “L’Arte che sa appassionare” – la costa marchigiana e il suo territorio nel contemporaneo – patrocinata con lodevole intento dal Comune di Falconara Assessorato Cultura e Turismo in collaborazione con il CART – Centro documentazione per l’Arte contemporanea.

L’assessore alla cultura e vicesindaco, Stefania Signorini, nell’introdurre l’atteso evento ha dato il benvenuto agli illustri ospiti al suo fianco, il critico d’arte Prof. Giorgio Gregorio Grasso, al famoso incisore e maestro Carlo Iacomucci e ai due promotori ed ideatori di questa kermesse artistica e culturale di alto profilo qualitativo, gli artisti Sandro Carloni ed Alberto Copparoni e, naturalmente, a tutti gli artisti convenuti ed al numeroso e selezionato pubblico presente in Sala. L’ assessore  ha inoltre evidenziato che quest’iniziativa si colloca giustamente all’interno della promozione del caffè Letterario del Centro Pergoli e che l’apposito catalogo realizzato si prefigge lo scopo di promuovere l’arte  degli artisti marchigiani nelle sue varie declinazioni: dalla figurativa all’incisione, dalla scultura alla pittura. La parola è subito dopo passata al noto storico e critico d’arte Giorgio Grasso il quale ha catturato per un’ora  l’ascolto e l’attenzione partecipe di tutti presentando ed illustrando con dovizia di spunti ed annotazioni critiche il suo arguto ed originale saggio  “Il critico e le modelle”- Il romanzo dell’arte nella voce delle sue protagoniste -, compiendo uno straordinario ed immaginario viaggio nel mondo della storia dell’arte. Servendosi di specifiche e congrue diapositive, ha  analizzato il rapporto tra gli artisti più geniali e le proprie modelle. La modella non va relegata al semplice ruolo di musa, buona parte del successo di un’opera è merito precipuo se non esclusivo e determinante della donna scelta come ispiratrice. Dalla “Venere” di Botticelli alla splendida “Madonna” di Filippo Lippi, dalla “Dama dell’ermellino” (Cecilia Gallerani, celebre amante di Ludovico il Moro) e dalla “Vergine delle rocce “di Leonardo alla “Pietà” di Michelangelo e alla tragica “Beatrice Cenci” di Guido Reni, dai ritratti di Frida Khalo alla “Marylin Monroe” di Andy Warhol. Al termine dell’applaudito excursus dell’apprezzato curatore di eventi artistici nonché conduttore di programmi culturali, si sono susseguiti gli interventi di Sandro Carloni ed Alberto Copparoni, curatori del catalogo. E’ stato rivolto anche un plauso alla caldeggiata presenza del Maestro Carlo Iacomucci, già riconosciuto Cavaliere nel 2011 ed Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica nel 2017 per meriti artistici e culturali.

Ecco, quindi, l’elenco di tutti gli artisti che hanno aderito su invito al prestigioso allestimento espositivo: Adino Amagliani, Amneris Ulderigi, Angeli Maristella, Armeni Guido, Berdini Teresa, Buffarini Claudio, Carboni Gaetano, Carloni Sandro, Cestarelli Vincenzo, Copparoni Alberto, Craia Silvio, Cutini Giorgio, D’Errico Matteo, Graziani Mauro, Iacomucci Carlo, Lanari Lanfranco, Lorenzini Giancarla, Marè Savino, Marinelli Giorgio, Piangerelli Piero, Piattella Oscar, Pucci Alceo, Sangiorgi Silvano, Sguanci Luca, Svitlana Maryni, Torcianti Franco, Torquati Sandra, Volpini Elsa.

La mostra sarà visitabile fino al 6 maggio presso il Centro Culturale Pergoli di Falconara Marittima in piazza Mazzini dal martedì al venerdì dalle ore 9,30 alle 18,30, sabato e domenica dalle ore 10,30 alle 12,30, dalle 17,30 alle 19,30.

www.comune.falconara-marittima.an.it

 

A cura di Vincenzo Prediletto

 

 

Iacomucci incisore ecomarche
Opera dell’incisore urbinate Carlo Iacomucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *