Per dire NO alla violenza contro le donne finalmente scendono in piazza gli uomini

Sono già una quindicina i Comuni italiani, tra i quali nella nostra regione Urbino, Fano, Gradara, San Costanzo con Biella, Genova, Pescara, Udine, Ravenna, Crema, Lamezia Terme, Varese, Somma Vesuviana, San Bonifacio, Villa Bartolomea – che hanno aderito alla nuova iniziativa promossa dagli ‘Uomini in scarpe rosse’, gli stessi che lo scorso 27 febbraio hanno organizzato a Biella il primo flash mob maschile contro la violenza sulle donne. L’idea è di realizzare una mobilitazione generale che, intorno al 25 novembre, coinvolgerà le rispettive città. I partecipanti scenderanno in strada con l’obiettivo di incrociare altri uomini, guardarli negli occhi e farli riflettere sul tema, partendo da quanto realizzato dagli attori della compagnia Teatrando di Biella, che hanno dato avvio al movimento. Per dare uniformità all’iniziativa si è anche scelto di utilizzare un’immagine comune, che caratterizzi l’evento.

“Ho pensato di contattare in primo luogo le realtà che già lo scorso febbraio avevano solidarizzato con l’iniziativa – spiega il direttore artistico, Paolo Zanone -. Poi ho deciso di scrivere alle amministrazioni comunali sui cui territori si sono verificati femminicidi nell’ultimo anno. La risposta è stata buona. Il seme che abbiamo gettato nove mesi fa, sta germogliando, pur nella consapevolezza che occorrerà ancora molto tempo per un cambiamento reale”.

One thought on “Uomini in scarpe rosse

  1. Uomini che si uniscono contro altri uomini. Finalmente. No, sbagliato chiamarli uomini, sono m…. Forse questa giornata serve a qualcosa. Bellissima iniziativa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.