motus-panorama

Un’identità per tutte le popolazioni del mondo

Ci insegnano fin da bambini, se siamo fortunati, che gli individui non sono mai solo la somma delle loro parti biologiche e sociologiche. Ma raramente ho visto un esempio più caloroso e coinvolgente di questa ribellione alla statistica di quello offerto da Panorama. […] Si lascia sempre una produzione di Motus con la sensazione di aver passato del tempo in mezzo a una folla che si va continuamente moltiplicando. Ogni persona in scena contiene moltitudini. Ben Brantley, “The New York Times” 12/01/18
Panorama è una parola di origine greca formata dalla radice del verbo “vedere” e dalla parola “tutto” e sulla possibilità di “vedere il più possibile”, di intraprendere nuove avventure esistenziali Altrove, senza barriere o limiti all’orizzonte delle opportunità, è incentrato il progetto. É una biografia plurale e visionaria del gruppo interetnico di performers del mitico teatro dell’East Village newyorkese, fondato da Ellen Stewart, scaturita da lunghe interviste e ricerche nel background degli attori/attrici della compagnia: molti si sono spostati da altre città e continenti per realizzare il proprio progetto artistico a New York… Con il supporto del drammaturgo Erik Ehn – e un elaborato dispositivo visuale sviluppato al Seoul Institute of the Arts – Motus delinea nuovi panorami esistenziali, dove il nomadismo diventa una proprietà intrinseca dell’esistere (e dell’essere artista), mettendo a dura prova ogni tentativo di fissare irrevocabilmente persone, nazionalità, etnie, professioni in categorie gerarchiche e immutabili. É una ulteriore tappa del percorso inaugurato da MDLSX, in cui si rivendica il diritto alla non appartenenza, alla libertà di transitare da un genere all’altro, da una forma di vita all’altra – senza barriere – abbattendo ogni tipo di pregiudizio: Rosi Braidotti scrive di “appartenenza aperta alle Molteplicità” proponendo un’identità post-nazionalistica per tutte le popolazioni del mondo, fondata sul concetto di identità fluida e identità nomade. Panorama scava nel cuore di questa urgenza politica con un formato narrativo “post-documentario”, che attinge all’esperienza dell’essere attore (e straniero) in una società frantumata dal Trumpismo come quella americana, per esplodere in una caleidoscopica performance sull’umano diritto all’essere in movimento.

PESARO_TEATRO SPERIMENTALE 21 febbraio 2019
Biglietti da 12 a 15 euro in prevendita QUI o tramite Call center 0712133600

ASCOLI PICENO_TEATRO DEI FILARMONICI 24 febbraio 2019
Biglietti da 12 a 15 euro in prevendita QUI o tramite Call center 0712133600 o tramite Biglietteria Teatro Ascoli 0736298770

ideazione e regia Enrico Casagrande Daniela Nicolò 
drammaturgia Erik Ehn Daniela Nicolò 
con gli attori della Great Jones Repertory Company
(Maura Nguyen DonohueRichard Ebihara, John Gutierrez
Valois Mickens, eugene the poogeneZishan Ugurlu)
musiche Heather Paauwe 
assistenza alla regia Lola Giouse sound design Enrico Casagrande 
light design Andrea Gallo Daniela Nicolò 
video design USA CultureHub NYC con Sangmin Chae 
video design Europa Paride Donatelli Alessio Spirli 
visual project Bosul Kim Seung Ho Jeong 
produzione La MaMa Experimental Theatre Club con Motus 
in coproduzione con Seoul Institute of the Arts, CultureHub
New YorkVooruitGentTriennale Teatro dell’Arte, Milano
Emilia Romagna Teatro FondazioneGrec Festival, Barcellona
L’arboreto – Teatro DimoraMondaino in collaborazione con Under The Radar Festival, New York 
con il sostegno di MiBACRegione Emilia Romagna

lo spettacolo prevede scene di nudo integrale
spettacolo in lingua inglese con sovratitoli in italiano

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *