made in senigallia vent'anni dopo

MADE IN SENIGALLIA 

 

NON SOLTANTO UNA MOSTRA, QUALCOSA DI PIU’

 

IN OPPOSIZIONE ALLA GLOBALIZZAZIONE

LA QUALITÀ’ DEGLI ARTIGIANI

 

L’AVVENIRE E’ GiA’ PASSATO O POSSIAMO REPLICARLO?

 

“L’avvenire è già passato da un pezzo. / Può darsi però che ammetta qualche replica / dato l’aumento delle prenotazioni”. Da un pezzo, aveva detto il poeta Montale, senza però precisare da quanto. Per noi come persone e come città sono vent’anni giusti. Tra gli ultimi giorni di settembre e i primi di ottobre 1997, infatti, si tenne quella curiosa, bizzarra, divertente, promettente mostra che il primo organizzatore Francesco Luzi aveva  titolato “Made in Senigallia”.

Credo che raramente si sia visto un lavoro tanto corale nell’elaborazione di un progetto e nell’allestimento di un’esposizione; non solo per quanti avevano collaborato alla sua realizzazione, ma per il lunghissimo elenco di imprese e di persone che avevano partecipato come espositori. Come suggerisce il titolo, si era cercato di mettere insieme le idee e le capacità presenti perché fossero intanto rilevate e poi anche connesse e coordinate in un marchio di qualità locale.

Il pensiero di tutti – dall’assessore Mattei e da Confartigianato che l’avevano promossa a ciascuno degli organizzatori e dei partecipanti – era già ragionevolmente sintonizzato sul principio oppositivo rispetto alla nascente globalizzazione, e su una possibile risposta del fare tipicità attraverso le nostre proprie energie. La mostra faceva centro al Palazzetto Baviera e si snodava in vari luoghi della città. Può essere interessante oggi rivedere l’elenco degli autori e delle imprese artigiane che con la  partecipazione avevano dato forza all’iniziativa; e valutare come e quanto tutto questo sia riuscito a promuovere le qualità dei singoli e a orientare gli artigiani verso un riscatto dalle correnti sudditanze della produzione industriale. Forse gli stessi promotori non hanno creduto a pieno al loro stesso progetto; perché Made in Senigallia non era stata soltanto una mostra, ma un autentico parco. Ecco perché il bambino non è cresciuto. La crisi cominciata nel 2007 ha fatto il resto. Invece di deprimerci avrebbe dovuto svegliarci. Qualche risultato in ogni caso s’era anche ottenuto ed è oggi sotto i nostri occhi; ma in generale non solo si può concordare col poeta sul fatto non solo che l’avvenire è passato, ma anche correggerlo sulla probabilità di una replica, perché nel frattempo le prenotazioni non solo non sono aumentate, ma molto diminuite. Chissà se riportare alla memoria un passaggio che in quel momento era parso così promettente, riuscirà a favorire l’acquisto dei biglietti per qualche avvenire, o se l’avvenire vada inteso soltanto come “quello che avviene”?

 

Leonardo Badioli

 

 

AUTORI

Alberto Bonvini, Alessandro Guerriero, Americo Alessandrini, Andrea Angelini, Andrea Nacciariti, Andreas Brandolini, Anna Perico, Carlo Cicconi Massi, Carlo Vannicola, Claudio Bonvini, Corrado Anselmi, Cristina Sestilli, Denis Agostinelli, Enea Discepoli, Enrico Paganelli, Ester Ciceroni, Eugenio Morganti, Fabio Faraoni, Francesco Angeletti, Francesco Luzi, Francesco Ragaini, Franco Mello, Franco Staccioli, Giovanni Ghiandoni, Guido Mallucci, Italo Rota, Lanfranco Candelaresi, Leonardo Badioli, Leonardo Cemak, Luca Lavatori, Luca Minardi, Lucilla Nesi, Luke Johnson, Marco Rossi, Margherita Palli, Mario Giacomelli, Maurizio Cesarini, Monica Monachesi, Pablo Echaurren, Paola Palma, Roberto Mazzanti, Roberto Zappacosta, Rodolfo Brocchini, Simone Bernacchia, Umberto Grati.

 

AZIENDE & BOTTEGHE & ARTIGIANI

Arcoiris, Aurum di Graziano Barzetti, Balducci Michele Falegnameria, Euromarmi 90, Franceschini Francesco Impresa Edile, Decorando, Decorlegno, Edmondo Mattei, Faraoni Fabio, Filippini Fiorenzo,
Gianni Guerra, La Miniera di Fulvio Bagna, Lenci Arredamenti, Lorena G. Ciarloni, Lucertini Arredamenti, Lucia Gobbetti, Marco Polo di Marco Palpacelli, Nacciariti Valentino, Neri Industria Confezioni, Nicolini Sergio, Oreficeria D’Apolito Giampiero, Pettinari Marco Orafo, Resinvetro, Rocchetti Luciano Complementi d’Arredo, Sebastianelli Fulvio, Staccioli Franco, Studio Graf&Art, Vetrart, Vetreria Artistica Lorenzo Cavallari

CONTRIBUTI

Angelini Antonio, Baccianini Aurelio, Bigelli Marmi, Carnevaletti Alberto & Rolando, Co.Fer.M, Filocalia, Fraboni Paolino Forniture Elettriche, Le Foglie Morte, Punto Luce, Nuova Comes, Nuova Ferramenta & Ferro, Pellegrini Quality Point, Stefanini Centro Corredo, Tipografia Marchigiana, Vetreria Misa.

 

made in senigallia vent'anni dopo

 

 

made in senigallia vent'anni dopo

 

made in senigallia vent'anni dopo

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *